Diffondiamo cinque contributi della compagna Gulaferit Unsal, rivoluzionaria prigioniera comunista turca detenuta in Germania. Questi contributi sono tratti dalla rivista Gefangenen Info e da noi tradotti in italiano.

  Indice: Condizioni detentive e rappresaglie contro i prigionieri imputati dell'art. 129 b Un saluto alle donne eroiche che scrivono la storia Quelli che non si arrendono non muoiono Saluto solidale ai prigionieri che scioperano negli USA Imperialismo e fascismo non se la caveranno Condizioni detentive e rappresaglie contro i prigionieri imputati dell’art. 129 b … Continua a leggere Diffondiamo cinque contributi della compagna Gulaferit Unsal, rivoluzionaria prigioniera comunista turca detenuta in Germania. Questi contributi sono tratti dalla rivista Gefangenen Info e da noi tradotti in italiano.

Georges Abdallah solidale verso i 10 rivoluzionari prigionieri di ATIK

Per il Primo Maggio 2017, giornata internazionale delle/dei lavoratrici/lavoratori contro il capitalismo, riceviamo questo messaggio di solidarietà da parte di Georges Abdallah, prigioniero comunista arabo detenuto dall’imperialismo francese dal 1984. Georges dà il proprio completo sostegno ai 10 rivoluzionari prigionieri di ATIK e ha aderito all’appello per la manifestazione europea che si è tenuta in … Continua a leggere Georges Abdallah solidale verso i 10 rivoluzionari prigionieri di ATIK

Lettera di solidarietà di alcuni prigionieri anarchici detenuti nel carcere di Korydallos ai prigionieri palestinesi in sciopero della fame

da 325nostate.net Le lotte dei prigionieri politici palestinesi sono direttamente e ineluttabilmente collegate con la lotta generale del popolo palestinese. Il 70% delle famiglie palestinesi ha come minimo un proprio membro imprigionato per azioni contro lo Stato d’Israele. Il 20% della popolazione globale è stato incarcerato almeno una volta nella vita, mentre secondo altre stime … Continua a leggere Lettera di solidarietà di alcuni prigionieri anarchici detenuti nel carcere di Korydallos ai prigionieri palestinesi in sciopero della fame