LETTERA DI KOSTAS GOURNAS E DI DIMITRIS KOUFODINAS

PUBBLICHIAMO UNA LETTERA DI KOSTAS GOURNAS, MEMBRO DELL’ORGANIZZAZIONE “LOTTA RIVOLUZIONARIA” E DI DIMITRIS KOUFODINAS, MEMBRO DELL’ORGANIZZAZIONE “17 NOVEMBRE” (17N).

LA LETTERA E’ STATA MANDATA AL GIORNALE “PONTIKI” E PUBBLICATA IL 27/3/2014.

“Il disegno di legge sulle carceri provoca una Guantanamo greca.

I detenuti in queste carceri speciali

– saranno privati di tutti i diritti dei prigionieri (permessi, sospensioni, ecc.)

– si vedranno limitare i diritti relativi alle visite e alle chiamate telefoniche

– resteranno rinchiusi in cella per 23 ore

– si troveranno di fronte un’unità speciale segreta della polizia con poteri e competenze imprecisati.

Questa morsa attuata in carcere è paragonabile con quella attuata a Guantanamo. Il disegno di legge di Samaras, Dendias e Athanasiou è ispirato al fascismo. È l’espressione di un stato in costante emergenza. È il corrispondente memorandum per i prigionieri.

Il microcosmo dei prigionieri non è risparmiato dal vasto attacco frontale portato alla società greca. Il capitalismo neoliberale globale tenta di superare la crisi, calpesta i diritti conquistati da decenni e impiega questa strategia modo disumano contro la società greca.

Strategia che non ammette sbocchi, soffoca, invece, la dignità dell’individuo e ogni desiderio di resistenza. Il disegno di legge è conforme a questa logica, costruisce la minaccia delle carceri di tipo C, che spaventa i prigionieri ed è pure diretta contro l’intera società in lotta. Obiettivo primario di tale disegno di legge è l’isolamento dei prigionieri politici. Prototipo è il modello adottato nel 2002 in particolare per i prigionieri di “17N”.

Lo scopo è istituire e legittimare l’isolamento, è impedire il tentativo dei prigionieri di comunicare alla società tendenze contrarie al sistema. Le loro lotte e quelle dei movimenti di solidarietà, però, hanno sovvertito già nel 2002 questi progetti, vincendo la politica dell’isolamento. Anche oggi sarà così.

Invitiamo i prigionieri politici, tutti i prigionieri in lotta, i movimenti di solidarietà, la società che lotta, a unificare le loro voci e le azioni di lotta contro questi disegni di legge fascisti. Anche questa lotta è parte della battaglia contro il tentativo dello stato di distruggere la società.

P.S. Il disegno di legge è già attuato nelle carceri. La cancellazione dei permessi, in particolare la chiusura di ogni via d’uscita sbocco, porta a risultati tragici: i tre fautori del disegno di legge hanno usato le maniere pesanti a Malandrino.

Kostas Gournas / Dimitris Koufodinas

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...